Università
della
Svizzera
italiana
Academy
of Architecture
Laboratorio
di Storia
delle Alpi

 
 

Books

 

Da venti anni, il Laboratorio di Storia delle Alpi promuove e sviluppa attività e ricerche dedicate alla storia dello spazio alpino. Nato nel 2000 sotto gli auspici dell’Università della Svizzera italiana e dell’Associazione internazionale per la Storia delle Alpi, dal 2006 esso svolge la sua attività scientifica e didattica nell’ambito dell’Accademia di architettura di Mendrisio.
I saggi raccolti in questo volume vogliono render conto della ricchezza e varietà della ricerca storica sulle Alpi. Spaziando dalla storia materiale alla storia delle idee e ponendo l’attenzione su alcuni aspetti che hanno contribuito a forgiare le loro trasformazioni nel corso del tempo – le migrazioni, l’uso delle risorse, il turismo, i rapporti con il mondo industriale ed urbano, ecc. –, essi testimoniano il ruolo della storia quale irrinunciabile strumento per leggere e comprendere la realtà in cui viviamo e per staccarsi da uno sguardo schiacciato sul presente, che priva le società di prospettive e progettualità.
In un momento storico il cui il mondo si interroga sulle importanti sfide del prossimo futuro – dal cambiamento climatico alla transizione energetica, dalla ridefinizione della globalizzazione ai flussi migratori – le Alpi, con le loro potenzialità (ma anche lo loro fragilità), possono diventare lo spazio in cui progettare la sostenibilità del futuro, restituendo loro quel ruolo di attrici della costruzione europea che per secoli seppero svolgere.

Le Alpi di Clio

Scritti per i venti anni del Laboratorio di Storia delle Alpi (2000-2020)

A cura di Luigi Lorenzetti
Prefazione di Riccardo Blumer

Editore: Armando Dadò

Formato: 12.5 x 21 cm

Pagine: 264 

ISBN: 978-88-8281-562-2
 

Creare e curare giardini, usare il giardino come cura e terapia, fare del giardino uno strumento di sviluppo urbano, che cosa implicano queste tre azioni? Che cosa le rende possibili? A che cosa mirano? Non sono molti i libri che si occupano della storia della funzione curativa del giardino. Salus in Horto rappresenta una felice eccezione rivolta tanto a chi si occupa di storia e di teoria del giardinaggio, quanto agli appassionati che vogliano lasciare il mondo della divulgazione per entrare in contatto con quello della ricerca. Le tre sezioni nelle quali si articola il volume, "La cura del giardino", "Il giardino come cura" e "Il giardino cura della città", cercano di spiegare, attraverso un lungo itinerario nel tempo e nello spazio, come sia possibile che uno strumento apparentemente semplice quale il giardino possa modificare il nostro modo di percepire lo spazio, il rapporto con il passato e con il futuro, con la nostra interiorità e con le città stesse. Nel volume, si ritrovano saggi che intrecciano gli aspetti tecnici del giardinaggio con l’urbanistica, l’architettura, la medicina, la farmacopea, la cucina, la politica e l’educazione, esplorando tematiche di avanguardia come lo studio del microclima urbano, i giardini «mancati», il rapporto tra mondo dell’industria e giardini, i giardini come strumenti di cura della città.

Salus in horto. Il giardino come cura

a cura di Roberto Leggero e Simona Gavinelli
Editore: DeriveApprodi

Anno: 2020
Collana: Habitus

Pagine: 224

ISBN: 978-88-6548-335-0


Lorsqu’il parcourt le Val d’Illiez dans les années 1770, l’artiste genevois Marc-Théodore Bourrit, compagnon d’excursions d’Horace-Bénédict de Saussure, s’émerveille à la vue de cette vallée « embellie de champs et de pâturages […] dont les flancs ont été cultivés jusqu’à la plus grande hauteur ». Or, rien de tout cela ne subsiste aujourd’hui. Le paysage agraire décrit par Bourrit a disparu : les champs cultivés ont laissé la place aux prés de fauche et, dans les hauteurs, il ne reste aucune trace des cultures d’autrefois.
Inspiré par ce témoignage, ce livre réunit une série d’études qui, dans une perspective historique, analysent le rôle de l’altitude dans les formes d’appropriation et de mise en valeur du sol, aussi bien dans les hautes terres de montagne que dans les basses terres des fonds de vallée de l’espace helvétique et de ses régions avoisinantes.
En conjuguant les approches de l’histoire environnementale, de l’histoire du territoire et de l’histoire économique et sociale, les auteur·e·s s’interrogent sur le rapport entre l’altitude et les formes de propriété et d’usage des terres à travers diverses perspectives dont la variété des systèmes agro-pastoraux, l’influence de l’économie de marché, ainsi que les cadres et les variables politiques et institutionnelles.
En effet, loin d’être figées, les relations entre l’homme et son milieu se modifient au fil du temps et l’altitude est moins une contrainte qu’une opportunité que certaines sociétés ont su valoriser et utiliser à leur profit.

Relire l'altitude. La terre et ses usages. Suisse et espaces avoisinants, XIIe-XXIe siècles

Luigi Lorenzetti, Yann Decorzant, Anne-Lise Head-König (sous la dir. de)

Alphile, Neuchâtel 2019

formato: cm. 22,5x15,5

pagine: 336

prezzo: 37,00 CHF 29,90 €

ISBN:978-2-88930-206-2


La storia delle terre ticinesi fra XII e XVI secolo non è di carattere puramente diplomatico o militare. C’è un livello più antico e più profondo: la gestione collettiva delle risorse naturali e dei beni comuni, essenziali per l’economia delle comunità alpine. Sulla base di un’ampia serie di atti e documenti pubblici e privati, il volume analizza come le necessità e le competenze ‘diplomatiche’ e ‘politiche’, indispensabili alle comunità per amministrare e gestire efficacemente risorse naturali e proprietà collettive, abbiano contribuito a dare origine alla Svizzera moderna e alle sue peculiarità. Percorrendo tale linea di indagine, si scoprono gli usi e i costumi dei comuni alpini medievali e tardomedievali, i loro problemi economici, le difficoltà legate alle interazioni con l’ambiente naturale e le altre realtà istituzionali. Viene inoltre presentata l’opera inedita di un nipote del famoso storico Paolo Giovio, Alessandro (Descrittione de otto cantoni de Suizzeri, circa 1547), che rivela l’interesse dell’epoca per la Svizzera, proponendone un’immagine ‘dall’esterno’. «Questi Svizari – si chiedeva Alessandro Giovio – che ne passato si domandavano domatori de principi et defensori de la libertà ecclesiastica, et davano legge a gli altri potentati» stavano forse per «diminuire de la grandeza loro» e trasformarsi in una monarchia?


Domatori dei prìncipi e altre note di storia svizzera (secoli XII-XVI)
Roberto Leggero
Forum, Udine 2018
collana: Tracce. Itinerari di ricerca/Area umanistica e della formazione
formato: cm 17x24
pagine: 272
prezzo: 25,00 €
ISBN: 978-88-3283-070-5


 


Come si lavorava, come si costruiva il reddito e come si faceva impresa nelle società preindustriali? Scorrendo il volume il lettore scoprirà, grazie alle esperienze descritte, un insieme di caratteri qualificanti le diverse attività lavorative. Alcuni sono bene noti, altri forse meno, ma tutti ricadono in tre ambiti: la diversificazione delle fonti di reddito, la costruzione di reti di contatti (professionali e parentali, politici e religiosi), l'adozione di complesse strategie imprenditoriali.

 

How was work done, ho did income accumulate, and how was business conducted in pre-industrial societies? Though the experiences described in this book, the reader will discover a series of features distinguishing the various forms of work. Some are well-know, others perhaps less so, but all fall into three spheres: diversification of sources of income, creation of networks of contacts (professional and familial, political and religious), and the adoption of complex business strategies.

Lavoro e impresa nelle società preindustriali

Labour and Business in Pre-Industrial Societies

a cura di Roberto Leggero

Mendrisio Accademy Press

Mendrisio 2017

ISBN 978-888-762-4830


Cosa racconta il passato industriale delle Alpi? I vari studi contenuti in questo volume si interrogano su differenze e similitudini della patrimonializzazione dell’industria rispetto all’evoluzione della memoria e della costruzione patrimoniale promossa in questi ultimi decenni nel mondo alpino.

Que raconte-t-il le passé industriel des Alpes? Les diverses études réunies dans ce volume s’interrogent sur les différences et les similitudes de la patrimonialisation de l’industrie par rapport à l’évolution de la vision mémorielle et patrimoniale des dernières décennies dans le monde alpin.

Was erzählt uns die industrielle Vergangenheit über die Alpen? Die in diesem Band enthaltenen Studien diskutieren Unterschiede und Ähnlichkeiten der Patrimonialisierung der Industrie im Vergleich zur Entwicklung der Erinnerung und des industriellen Erbes in diesen letzten Jahrzehnten im Alpenraum.

Alpi e patrimonio industriale/ Alpes et patrimoine industriel/ Alpen und industrielles Erbe

a cura di /sous la dir. de / Hrsg.

L. Lorenzetti, N. Valsangiacomo

Mendrisio Academy Press

ISBN 978-8-8876-2478-6


Over the past few years, the cross-disciplinary field of research devoted to family and kinship history in Europe has seen the emergence of an important stream of studies developing wide-range comparative perspectives on great spaces and long periods. Their hypotheses and interpretative models differ somewhat regard of the factors taken into account, and of the underlying logic identified for these processes. The first part of this volume present a broad discussion of these recent developments. The chapters in the second part have an alpine focus and are dealing more or less directly with the theoretical framework proposed by Dionigi Albera’s book, Au fil de generations. The contributions to the third part of the book are further opening up the field. They leave the alpine terrain and are dedicated to some European contexts, with approaches that are generally influenced by the experience of Albera’s analysis of Alpine Europe.

Reframing the History of Family and Kinship: From the Alps towards Europe

D. Albera, L. Lorenzetti, J. Mathieu (eds.)

Peter Lang

ISBN 978-3-0343-2127-3

Il tema del volume è la definizione del rapporto tra comunità e lavoro in ambito alpino e prealpino. L’ambiente delle Alpi, infatti, ha determinato forme specifiche di organizzazione del lavoro e della proprietà, per esempio enfatizzando il ruolo della gestione collettiva dei beni fondiari ma, al tempo stesso, l’organizzazione del lavoro ha modificato e connotato diversamente la vita delle comunità montane rispetto a quella delle comunità di pianura. Le aree alpine, infatti, fornivano opportunità che non sempre erano presenti altrove: attività di sfruttamento dei boschi e delle acque, di guida e di someggiatura legate ai passi e ai transiti di viaggiatori, erano solo alcuni degli ambiti di lavoro possibili in queste zone. I testi che il lettore troverà nel volume sono stati organizzati in cinque aree: la prima dedicata alle necessità collettive e alle risorse locali, la seconda alla organizzazione del lavoro, la terza agli scambi e al commercio, la quarta alle infrastrutture e, infine, in funzione comparativa e di confronto una quinta sezione intitolata altre montagne.

Montagne, comunità e lavoro

tra XIV e XVIII secolo

a cura di

Roberto Leggero

Mendrisio Academy Press

Mendrisio 2015

ISBN 978-88-876-2472-4


Interest in the history of ownership rights is growing and spreading to different disciplines. Historians are turning their attention mainly to the rise of private and individual ownership as it was codified in 19th-century liberal Europe. In writing this history, however, their perspective has too often ignored the other side of the coin, namely the restrictions which the sovereign imposed on such rights, allegedly in the interest of the community. The papers collected in the present volume suggest that private property is not necessarily the most safeguarded legal model, hence it is not less vulnerable to violation. They construct a close analysis of the most common forms of abuse of private property on record – expropriation, seizure, and confiscation – perpetrated by public authorities. They also seek to define the uneasy, often intricate relation between legal and legitimate. In a perspective of lights and shadows, the role of confiscation and expropriation changes: now seen as powerful instruments of change, now as enduring factors of conservation in the evolution of private ownership rights.

Property rights and their violation.
Expropriations and confiscations,
16th to 20th century
La propriete violee.
Expropriations et confiscations,
XVIe-XXe siecles
a cura di
L. Lorenzetti, M. Barbot, L. Mocarelli
Peter Lang, Bern 2012
ISBN 978-3-0343-0668-3

A partire dal XIV secolo una serie di profondi cambiamenti trasforma l’impostazione e le forme dell’assistenza spirituale al populus cristiano, toccando non solo l’universo urbano ma anche quello periferico, rurale e montano, al sud e al nord delle Alpi. Fra gli impulsi decisivi spicca la forte domanda "dal basso" di strutture e di personale decentrato, in grado di offrire le condizioni adatte per l’esercizio delle pratiche rituali, assistenziali e di preghiera: agli occhi dei fedeli, come a quelli dei chierici, si impone la concezione della parrocchia di villaggio come quadro organizzativo e come spazio privilegiato della vita religiosa – concezione destinata a perdurare per l’intera età moderna. L’approccio adottato dalla recente storiografia del sud delle Alpi ha considerato principalmente le trasformazioni nel sistema della cura d’anime, con le sue implicazioni istituzionali, religiose, sociali ed economiche, mentre nella ricerca in ambito germanofono si e posto soprattutto l’accento sulla fondazione di cappellanie e benefici curati come espressione del principio organizzativo comunitario e sul ruolo dell’"uomo comune" nei mutamenti delle pratiche e delle esigenze spirituali. Il volume raccoglie interventi che accostano le due impostazioni, riuscendo in questo modo a gettare nuova luce su molti aspetti del fenomeno e sull’ampiezza delle sue ripercussioni sul mondo premoderno. In questo senso, le aree alpine e prealpine possono rappresentare un terreno privilegiato di incontro.

La Chiesa dal "basso".
Organizzazioni, interazioni e pratiche
nel contesto parrocchiale alpino
alla fine del medioevo
a cura di
Simona Boscani Leoni,
Paolo Ostinelli
Franco Angeli, Milano 2012
ISBN 978-88-568-4559-4